L’ANELLO DI COMUNICAZIONE

- 292 -

 

Lo Spirito Santo è la sola parte della Santa Trinità ad avere una funzione simbolica. Si fa riferimento a Lui come al Guaritore, al Consolatore e alla Guida. Viene anche descritto come qualcosa di “separato”, indipendente dal Padre e dal Figlio…. La Sua funzione simbolica rende lo Spirito Santo difficile da capire perché il simbolismo è aperto a diverse interpretazioni.
(T-5.I.4:1-3, 5)

Un Corso in Miracoli usa il linguaggio in un suo modo particolare. Le parole “Spirito Santo” non sono esenti da ciò ed è per questo - come dice la citazione- che sono difficili da capire. Ho accennato a questo uso nello spunto n. 13 (per rileggerlo cliccare qui . Per approfondire ulteriormente l’argomento il lettore potrebbe trovare utile il secondo capitolo del mio libro Un Corso in miracoli parla di sé: cliccare qui per informazioni)
Dunque lo Spirito Santo, pur essendo stato creato da Dio ed essendo quindi parte della Conoscenza (lo stato non dualistico della Mente Una), riveste anche la funzione simbolica caratteristica della mente separata. In altri termini, nel Corso non è solo parte dell’Uno, ma ha anche una funzione duale. Grazie a questa Sua duplice natura Egli rappresenta l’Anello di Comunicazione fra Dio e i Suoi Figli separati.

Lo Spirito Santo viene descritto come l’ultimo Anello di Comunicazione tra Dio e i Suoi Figli separati. Allo scopo di poter portare a termine questa funzione speciale, lo Spirito Santo ha assunto una funzione duale. Conosce perché è parte di Dio; percepisce perché fu mandato a salvare l’umanità.
(C-6.3:1-3)

Lo Spirito Santo è pertanto il solo in grado di parlare due linguaggi: quello della conoscenza (Mente Una) e quello della percezione (mente separata). Dio è la Realtà dell’Uno, e in quanto tale non percepisce l’illusione che per definizione non c’è. Noi crediamo nell’illusione della separazione e ci sentiamo identificati con essa, e in quanto tali ci percepiamo esclusi dalla Realtà dell’Uno Che non riusciamo più a conoscere. Lo Spirito Santo svolge dunque questa indispensabile funzione di collegamento fra la Realtà e l’illusione, l’Unità e la separazione, la Conoscenza e la percezione, l’Essere e il non essere, la Mente di Cristo e la mente che crede di essersi separata da Dio, Dio e noi.
Prima di concludere questo spunto, in cui abbiamo iniziato ad esplorare il significato che il Corso conferisce al termine “Spirito Santo”, leggiamo insieme alcune delle citazioni che Lo definiscono proprio come l’Anello di Comunicazione.

(Lo Spirito Santo) E' la comunicazione che ti rimane con Dio, che puoi interrompere ma che non puoi distruggere.
(T-5.II.8:3)
Ricorda che lo Spirito Santo è l’Anello di Comunicazione tra Dio e i Suoi Figli separati.
(T-6.I.19:1)
Essendo l’Anello di Comunicazione tra Dio e i Suoi Figli separati, lo Spirito Santo interpreta ogni cosa che hai fatto alla luce di ciò che Egli è
(T-8.VII.2:2)
L’Anello di Comunicazione che Dio ha posto dentro di te, unendo la tua mente con la Sua, non può essere interrotto. Puoi credere che vuoi che venga infranto e credere in ciò interferisce con la pace profonda in cui viene conosciuta la comunicazione dolce e costante che Dio vuole condividere con te…. Dio ha voluto il Cielo per te e per te vorrà sempre solo questo. Lo Spirito Santo conosce soltanto la Sua Volontà.
(T-13.XI.8:1-2, 7-8)