D 1226 Possiamo veramente essere grati per qualsiasi cosa eccetto l’opportunità di perdonare?

D # 1226: Per favore affrontate il tema della gratitudine e Un corso in miracoli. Possiamo veramente essere grati per qualsiasi cosa più che per l’opportunità di perdonare?

 

R: Se per gratitudine per l’opportunità di perdonare intendi essere grati gli uni verso gli altri per queste opportunità, hai toccato l’essenza di Un corso in miracoli, che è il perdono. In un seminario registrato intitolato “La nostra gratitudine verso Dio”, Ken affronta la gratitudine su tre livelli: la nostra gratitudine verso Dio, verso Gesù e gli uni verso gli altri. Proprio come il perdono è la correzione della mancanza di perdono che proviamo, anche la gratitudine è una correzione. Corregge l’ingratitudine che sentiamo su questi tre livelli, e quando la nostra ingratitudine viene corretta, il bisogno di gratitudine scompare. Questo non ha niente a che fare con il fatto che Gesù o Dio abbiano bisogno della nostra gratitudine (vedi T.6.I.17) – è solo un’altra dimensione nel processo di disfacimento del sistema di pensiero dell’ego nelle nostre menti. Se l’ingratitudine viene vista come pietra angolare del sistema dell’ego, poiché va fondamentalmente mano nella mano con giudizio, attacco, paura e colpa, allora quando disfiamo la gratitudine e ci diamo il permesso di provare gratitudine gli uni verso gli altri, verso Gesù e verso Dio, deve giungere l’amore, perché l’amore è stato nascosto dietro l’ingratitudine. L’ingratitudine è come un velo e quindi, quando il velo è svanito, si può fare esperienza dell’Amore di Dio.

In breve, la gratitudine che il Corso ci chiede di provare reciprocamente non viene per ciò che fai per me o per il modo miserabile in cui mi hai trattato. Si tratta di gratitudine per essere in grado di vedere in te uno specchio del mio sé. Vedendo il “peccato” in te, so che è dentro di me, e cambiando la mia mente su di te sto cambiando la mia mente riguardo a me stesso. Questa è la fonte della nostra gratitudine gli uni verso gli altri. Tuttavia io non ti posso perdonare senza una Presenza amorevole al mio fianco, e così la mia gratitudine nei tuoi confronti è impossibile se non provo gratitudine anche verso Gesù o lo Spirito Santo. Mi rendo conto, in altre parole, che non posso cambiare la mia mente da solo, perché è il mio sé che mi ha portato in questo pasticcio, che ti ha accusato e che crede che io possa farcela da solo. Fare affidamento su questo sé servirà solo a mantenermi all’inferno. Così riconosco non solo che non posso farlo senza Gesù, ma anche che non posso farlo senza di te, perché tu rappresenti una parte del mio sé da cui mi sono separato e che ho spinto fuori di me. E fino a quando non riconosco che tu non sei fuori di me, ma sei in realtà una parte di me, non conoscerò mai il Cristo che sono. “La tua funzione qui sulla terra è soltanto di perdonarlo, cosicché tu lo possa accettare di nuovo come tua Identità. Egli è come Dio lo ha creato. E tu sei ciò che lui è. Perdonagli dunque ora i suoi peccati e vedrai che sei uno con lui” (L.pI.192.10:6,7,8,9).

Man mano che avanziamo in questo processo di disfacimento dell’ego, la nostra gratitudine verso Gesù crescerà poiché ci rendiamo conto che nonostante tutto l’orrendo ciarpame egoico che procede dentro di noi, parte di noi sa che egli ci ama veramente e che accettando il suo amore possiamo accettare l’amore che noi siamo. Questo, dunque, elimina l’ingratitudine che abbiamo provato verso Dio, grazie all’aver accettato di sostituire l’ego con il vero Dio. Riflettendo l’amore del Cielo nella sua relazione con noi, Gesù ci aiuta a ricordare la profonda gratitudine che proviamo per Dio come nostro amorevole Creatore e Fonte.

Per ulteriori commenti, vedi la Domanda # 556, che contrasta la versione di gratitudine dell’ego con quella dello Spirito Santo. Estratti dall’album “Our Gratitude to God” sono pubblicati sul sito web della Foundation for A Course in Miracles nelle pagine riguardanti Teaching Materials/Excerpts Series.