Secondo gli insegnamenti di Kenneth Wapnick

D 417 Dovrei aspettarmi fedeltà sessuale dal mio partner?

 

D # 417: Il desiderio, l’aspettativa o l’accordo di fedeltà sessuale in una relazione è forse una garanzia della relazione speciale dell’ego – un tipo di possessività che cerca di possedere l’altra persona e limita l’espressione dell’amore universale? Ho sempre evitato l’infedeltà, non solo per motivi di salute, ma anche perché sembra far montare emozioni distruttive e dolorose. Il mio partner viene da un passato, nella sua giovinezza, in cui il sesso era considerato un modo per raggiungere l’unione con l’altro nel suo circolo spirituale oltre che con la sua sposa. E in relazione a questo, è possibile perdonare davvero qualcuno in quanto essere spirituale, e credere nella sincerità della sua promessa di agire in maniera diversa, e tuttavia continuare a mantenere dubbi insormontabili sull’adeguatezza morale della persona come compagno di vita? Oppure tale sensazione è il prodotto della paura e dell’essere bloccato nel passato? La mia voce interiore mi aveva detto che non era la persona giusta per me e che stavo facendo resistenza in merito al fatto che lui non sarebbe mai stato la persona giusta per me e di porre termine alla relazione. Come faccio a sapere se questa è la Voce dello Spirito Santo?

R: Mentre l’aspettativa/desiderio di fedeltà sessuale potrebbe esprimere la versione di amore dell’ego, che è caratterizzata da possessività ed esclusione, potrebbe anche esprimere lo scopo che lo Spirito Santo dà alla relazione, nel senso che questa è la persona con cui imparerai le tue lezioni di perdono. Fare sesso con questa unica persona, quindi, può simboleggiare quell’impegno a guarire la separazione con questo specifico partner di apprendimento. E dal momento che il contenuto nella tua mente è la guarigione della separazione, nessuno dovrebbe essere escluso da quella guarigione. Per evitare confusione e ridurre la possibilità di auto ingannarci, è essenziale distinguere tra forma e contenuto. Il contenuto nella nostra mente sbagliata è sempre generato dall’obiettivo dell’ego di mantenere intatta la separazione, cosa che esso fa prevalentemente escogitando modi per mantenere il corpo ed il suo comportamento (forma) reali nella nostra percezione. Il sesso si inserisce bene in questa strategia, specialmente quando viene spiritualizzato, perché allora è stata santificata una funzione del corpo e viene così assicurato il trionfo dell’ego. Questo è il motivo per cui Gesù ci ricorda che “le menti sono unite, i corpi no” (T.18.VI.3:1). Noi non dobbiamo raggiungere l’unione con gli altri, dobbiamo semplicemente riconoscere come stiamo bloccando la consapevolezza di quell’unione, che è la natura eterna, immutabile della nostra unità come Figlio di Dio.

Al livello della verità assoluta, il corpo e tutto ciò che riguarda il sesso è totalmente illusorio. Ma dal momento che continuiamo a credere di essere reali come corpi, Gesù ci aiuta a correggere quella credenza errata facendoci vedere il corpo come neutro, cosicché possiamo allora concentrarci il più possibile sullo scopo con cui usiamo il corpo: per separare o per guarire la separazione. Così nulla che riguardi il corpo può essere santo o non santo, l’atto sessuale non è né santo né non santo, anche se molte persone tendono a spiritualizzarlo. Il contenuto della mente è il fattore critico. E’ spesso difficile discernere lo scopo o il contenuto, tuttavia, a causa degli intensi aspetti emozionali e psicologici del sesso, che alla fine sono radicati nella separazione da Dio, carica di colpa, e dall’aver usurpato il Suo potere creativo, manifestato nella dimensione “pro-creativa” del sesso. Tutti i nostri problemi e le nostre preoccupazioni in merito al sesso sono collegati a queste associazioni ontologiche.

Il processo può spesso essere semplificato, tuttavia, separando il sesso dalla sua espressione fisica. In questo modo le tematiche dell’infedeltà possono essere maggiormente affrontate al livello di contenuto, anziché al livello comportamentale. Non è l’avere una storia con qualcun altro che è sbagliato: la questione di giusto o sbagliato, a questo riguardo, deve essere portata ad un livello molto più profondo. E’ necessario che ci sia una totale chiarezza sul livello del contenuto e questo non può essere deciso semplicemente valutando il comportamento. Il contenuto che definisce la relazione deve essere guardato con onestà e obiettività totali. (Il contenuto della mente sbagliata sarà la colpa, il controllo, o qualsiasi altro aspetto della specialezza).

Infine, come fai a dire se sei guidata veramente dallo Spirito Santo e non dall’ego che si maschera da fonte Divina? Il modo per discernerlo meglio che puoi, è quello di eliminare ogni interferenza – tutta la rabbia, la paura, il senso di tradimento, la gelosia, ecc. Non devi liberartene in modo permanente, ma solo per un istante lasciali andare, perché il tuo restarne aggrappata è la causa dell’interruzione della comunicazione tra te e lo Spirito Santo.

La tematica del sesso viene discussa in profondità nelle cassette audio e video del seminario di Kenneth dal titolo “Form and content: Sex and Money” [ora disponibile anche nel libro dallo stesso titolo che ne è la trascrizione] ed anche nel capitolo 4 di Forgiveness and Jesus: The Meeting Place of A Course in Miracles and Christianity [tutto questo materiale è disponibile solo in inglese].